Food

Bonsai ficus: coltivazione e cura scopri i consigli di doctor bioges

Rate this post

Rate this post

Il Bonsai Ficus retusa è tra i bonsai più diffusi anche tra i meno esperti. E’ una pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle Moraceae. A questa famiglia, dunque, appartengono piante da fiore ed altre specie tropicali. Al genere Fiscus appartengono moltissime specie, alcune delle quali in natura possono raggiungere delle grandi dimensioni, con chiome che superano i cento metri d’altezza. Le piante che ben si adattano all’arte bonsai sono ad esempio il Ficus retusa, Ficus Microcarpa ( Ficus Ginseng) ed il Ficus Carica. Attenzione però nel caso di animali domestici, le foglie di molte specie di Ficus sono tossiche a causa del lattice che fuoriesce da rami e foglie spezzate.

Ficus retusa caratteristiche

Tra le varietà più diffuse nella coltivazione bonsai vi è il Ficus retusa. E’ caratterizzato da un tronco robusto, dalla corteccia chiara, ricca di radici contorte. Il Ficus è una pianta sempreverde dalle foglie verdi e brillanti di forma ovale. Le radici aeree ben si prestano a creazioni Bonsai su roccia. Esse partono all’altezza dei rami e si sviluppano raggiungendo il suolo. Dunque, per questa caratteristica bisogna mantenerne sempre alta l’umidità mediante l’ausilio di uno spruzzatore. Nei periodi di caldo intenso può essere utile coprire le radici con recipienti oppure utilizzando dei teli in plastica mantenendo la pianta in posizioni ombreggiate.

Ficus Ginseng caratteristiche

Il Ficus ginseng è una varietà di dimensioni ridotte di ficus Microcarpa. In natura il Ficus ginseng è un albero sempreverde di grandi dimensioni. Il Bonsai di Ficus ginseng è caratterizzato da un fogliame coriaceo, verde lucido e dalle piccole dimensioni. La corteccia è di colore chiaro e presenta alla base delle radici aeree di grandi dimensioni che donando alla base del tronco una forma caratteristica. Proprio la caratteristica forma delle grandi radici aeree, che ricordano larghi tuberi robusti, rende questa pianta molto apprezzata nel mondo bonsai.

Esposizione Ficus – Annaffiatura

Il Ficus è tra i pochi bonsai che può essere collocato anche all’interno in casa. in abitazione, il posto ideale è vicino ad una finestra anche se non ama la luce diretta del sole o le correnti d’aria. In primavera e durante la stagione calda, è consigliabile esporre la pianta all’esterno in zone ombreggiate. Posizionando la pianta all’esterno in zone molto luminose si favorisce un’intensa e compatta vegetazione caratterizzata da foglie piccole, chiome verdi, armoniose, brillanti e rami robusti. Nelle regioni più temperate è possibile posizionare la pianta all’esterno anche in inverno.

READ  Un pomodoro è un frutto o una verdura e perché?

Le innaffiature possono essere effettuate servendosi di un annaffiatoio a pioggia, avendo cura di bagnare bene tutto il substrato. Nella stagione calda ha bisogno di irrigazioni giornaliere. In autunno, invece, procedere con irrigazioni meno frequenti. Evitate di far asciugare completamente il terreno e mantenetelo regolarmente umido. Durante la stagione fredda, se posizionato in casa, attenzione all’eccessivo calore dato da stufe ed altre fonti di calore. Per garantire una corretta umidità del terriccio irrigare regolarmente e vaporizzare le foglie e radici aeree con l’ausilio di uno spruzzatore.

Potatura Ficus- Pinzatura – Defogliazione

I periodi migliori la potatura del Ficus sono in autunno (per operazioni importanti) oppure all’inizio della primavera. E’ preferibile limitare interventi di potature drastiche potrebbero compromettere le piante e cicatrizzare con difficoltà. La scelta dei rami dipende dalla forma desiderata per il bonsai. Innanzitutto, è bene potare rami contrapposti o paralleli oppure che si sviluppano in senso verticale.  Un altro lavoro importante da effettuare in primavera è la cimatura (pinzatura) dei germogli. Essa consiste nell’eliminare alcune foglie dei nuovi germogli al fine di mantenere la forma desiderata del bonsai. Infine, la defogliazione tra per aumentare l’armonia, le proporzioni dei germogli, la produzione di foglie di dimensioni ridotte. Essa consiste nell’eliminazione di tutte le foglie del bonsai tra maggio e giugno. Durante quest’operazione è bene lasciare almeno una foglia all’estremità di ogni ramo per garantirne la vitalità.

Propolis: Favorisce la naturale cicatrizzazione delle ferite

A seguito delle operazioni di potatura, pinzatura o defogliazione applicare il prodotto Propolis per favorire la cicatrizzazione. Propolis è un induttore ci resistenza a base di propoli.  Il prodotto è ricco  in flavonoidiflavonivitamine (gruppi B, C, E) ed altri importanti oligoelementi. Propolis, aiuta a proteggere le cellule vegetali dai danni causati dalle radiazioni UV e ne favorisce la cicatrizzazione dei tessuti danneggiati anche a seguito di potature, pinzature e lavorazioni con il filo,  in quanto preserva le piante dall’eventuale formazione di muffe o ingresso di patogeni. Propolis va utilizzato in applicazione fogliare alle dosi di 10 ml/litro ogni 7-10 giorni. Il prodotto può essere utilizzato al’occorrenza gran parte dell’anno dalla primavera fino al tardo autunno. Diluire in acqua ed applicare mediante un erogatore o un pennello nelle zone interessate.

Lavori sul Ficus : come modellare un bonsai ed applicazione filo

BONSAI FICUS

La prima fase per la definizione del bonsai è senz’altro la potatura. L’applicazione del filo o sistemi con tiranti possono essere impiegati per modellare i rami. Tuttavia bisogna fare sempre attenzione a non danneggiarli, essendo la corteccia del Ficus particolarmente tenera. Inoltre, è bene non stingere molto il filo attorno a ciascun ramo in quanto la rapida crescita del bonsai potrebbe causare delle incisioni sulla corteccia. Dunque, è bene optare per fili sottili.

READ  Come combattere la ruggine del pero

Rinvaso

Il rinvaso va effettuato quando l’apparato radicale ha completamente occupato lo spazio del vaso. In generale, ogni due anni per esemplari giovani ed ogni tre per quelli adulti. Il periodo migliore per il rinvaso è fine febbraio per le regioni più temperate, fino a maggio per quelle più fredde. Durante il rinvaso è necessario rimuovere parte del pane radicale prima, a seguito si può utilizzare lo stesso vaso o uno leggermente più grande. Un buon terriccio può essere composto da una miscela di akadama, pomice, lapillo, humus e torba. A seguito del rinvaso è preferibile utilizzare prodotti radicanti come Radikal Sprinter o Top Sinergy per favorire la rizogenesi. Inoltre, in occasione del rinvaso è il periodo migliore per applicare formulati microbici per il rinnovo della microflora tellurica. Mico-Green è  un prodotto in polvere che contiene il consorzio microbico MICOTECH a base di funghi micorrizici, rizobatteri e funghibenefici del suolo.

Concimazione

E’ importante nutrire il bonsai di Ficus tutto l’anno, con concimazioni più frequenti durante il periodo primaverile e diradate nei mesi invernali. Per ogni stagione è importante scegliere il giusto prodotto con titoli in elementi nutritivi appropriati. In generale, titoli più alti in azoto sono ideali per i periodi di massima crescita vegetativa, mentre titoli più elevati in fosforo e potassio per favorire la lignificazione durante il periodo autunnale. E’ possibile, inoltre, optare tra concime liquido minerale dal rapido assorbimento o concime in pellet ricco di sostanza organica. Generalmente i concimi minerali sono consigliati per piante giovani da spingere mentre quelli in pellet per bonsai stabilizzati. E’ possibile richiedere un piano di concimazione personalizzato gratuitamente scrivendo una mail ad [email protected] riportando età, tipologia del bonsai e obbiettivi da raggiungere.

Difesa dai
parassiti

Molti possono essere i nemici del tuo bonsai. Tra questi cocciniglia, attacchi fungini, muffe e molti altri. Gli induttori di resistenza rappresentano uno dei metodi più innovativi presenti sul mercato green per la difesa delle piante. Sono realizzati con formulazioni ricche di elementi che non agiscono direttamente sull’agente dannoso, ma attivano il sistema di difesa endogeno della pianta potenziando la risposta in modo naturale. L’utilizzo di questi prodotti migliora la resistenza naturale delle piante a stress di varia natura. In questo modo è possibile dunque limitare l’utilizzo di fitosanitari solo in caso di forti infestazioni.


Paola consiglia "Come prendersi cura del Bonsai Ficus Ginseng"


La rubrica \

Related Articles

Trả lời

Email của bạn sẽ không được hiển thị công khai.

Back to top button