Food

Albero di giada: caratteristiche e tipologie

Rate this post

Rate this post

Albero di giada o pianta di giada: [coltivazione, cura, substrato e irrigazione]

L’ albero di giada (Crassula ovata) o pianta di giada è una delle piante ornamentali più ricercate perché è conosciuta come la pianta del denaro e dell’amicizia, si dice che porti fortuna ed è per questo che la vediamo all’ingresso di ristoranti e uffici commerciali.

È anche un’ottima pianta d’appartamento .

Ha rami fitti e una tessitura carnosa verde giada, molto resistente, e cresce benissimo all’interno della casa dove la sua bellezza contribuirà in modo significativo a rendere l’ambiente più gradevole.

La sua fioritura – bellissimi fiori bianchi e rosa che simulano le stelle – avviene alla fine dell’inverno e all’inizio della primavera.

Caratteristiche dell’albero di giada

La Giada può raggiungere un metro di altezza, la sua crescita è lenta, quindi bisogna avere pazienza e cura con attenzione, perché alla fine otterrà la ricompensa di una pianta di grande bellezza.

Inoltre, è una delle piante più utilizzate per le pratiche di Feng Shui . In questo senso, si consiglia di posizionarlo nella parte orientale della casa per l’armonia familiare, la salute, l’avvio di progetti e attività accademiche.

Sud-est per fortuna in ricchezza, buoni affari e reddito migliore. A ovest per la creatività o la fortuna dei bambini.

E a nord-ovest per la fortuna di mentori, insegnanti e persone disponibili in generale.

Una delle specie di giada è il bonsai, una pianta nana che necessita di cure intense, definita come la pianta dell’amicizia e del denaro.

Temperatura: dove piantare Jade?

È una pianta la cui cura non presenta grossi problemi, in quanto resistente agli sbalzi di temperatura.

Le notti fredde favoriscono la fioritura della giada, quindi si consiglia di posizionarla nella zona più fredda della casa o all’aperto nel tardo autunno e all’inizio dell’inverno, solo se la temperatura è superiore ai 5ºC; Questo non dovrebbe mai essere fatto se ci sono gelate intense perché le sue foglie sono danneggiate.

Può essere coltivata anche a temperature normali, ma è bene evitare il caldo estremo che, come il gelo, ne danneggia le foglie.

La temperatura ideale per la sua crescita felice è tra i 10ºC e i 15ºC.

L’ Albero di Giada deve essere estremamente attento e la sua fioritura impiega troppo tempo a verificarsi, in alcuni casi fino a dieci anni.

Anche il bonsai di Giada deve essere coltivato a temperature superiori ai 5°C.

READ  Bouganville in vaso: cura, esposizione, potatura, foto e ispirazioni

Luce: che bisogni ha l’albero di Giada?

Il vaso di giada va posizionato in luoghi che offrono luce, ma non va esposto direttamente ai raggi del sole, perché le foglie potrebbero subire ustioni irreversibili.

Come abbiamo indicato prima, a seconda del credo di ogni famiglia, la giada verrà collocata in diversi punti della casa, tranne che in bagno e camera da letto.

Contrariamente a quanto accade con la normale pianta di giada, il bonsai di giada può essere posto al sole durante il giorno, perché ha bisogno dell’aria aperta per il suo sviluppo.

Substrato e compost: come prepariamo il terreno?

La Giada cresce con successo in qualsiasi contenitore; Non ha bisogno di essere ripiantato, se non ogni tre anni, ma le condizioni del terreno devono essere buone per il suo sviluppo ottimale.

Affinché la pianta sia ben nutrita, gli esperti consigliano i lombrichi o il composto ; inoltre, il fertilizzante per violette africane per ottenere una buona fertilizzazione.

La concimazione va fatta una volta al mese dalla primavera all’estate, mai in autunno e inverno.

Come piantare un albero di giada

  1. Scegli un vaso robusto e largo con una profondità moderata, poiché le piante di giada hanno la tendenza a diventare pesanti in cima e rovesciarsi.
  2. Usa un terreno che drena completamente, poiché l’eccessiva umidità può favorire malattie fungine come il marciume radicale. Un mix di invasatura per tutti gli usi funzionerà, anche se dovrai aggiungere ulteriore perlite per migliorare il drenaggio. Un rapporto 2: 1 di terriccio con perlite funziona bene.
  3. In alternativa, usa un mix di piante grasse o cactus già pronto .
  4. Dopo aver piantato una pianta di giada, non annaffiarla subito. Aspettare diversi giorni e una settimana prima di annaffiare consente alle radici di depositarsi e riprendersi da eventuali danni.

Irrigazione: quanto spesso e come annaffiamo l’albero di giada?

Come una pianta succulenta, che immagazzina acqua nelle sue foglie, Jade può sopportare un po’ di tempo senza annaffiare.

Va annaffiato moderatamente quando il terreno si asciuga in estate . In primavera l’irrigazione va effettuata ogni quindici giorni, anche se la possibilità di annaffiare una volta al mese è a nostra discrezione, evitando a tutti i costi di allagare il substrato .

Dobbiamo farlo solo quando il substrato è asciutto, lasciando defluire l’acqua attraverso il foro di drenaggio, evitando a tutti i costi di allagarlo.

Allo stesso modo, anche se le fioriture di Giada si verificano a fine inverno e all’inizio della primavera, in buone condizioni può produrre fiori durante tutto l’anno.

READ  Alberi tipici giapponesi

Come buon modo per stimolarne la fioritura, si consiglia di non annaffiarlo in autunno.

Il terreno dovrebbe rimanere umido, ma non estremamente umido, perché un’irrigazione eccessiva può far marcire le radici e uccidere la pianta.

Il bonsai di Giada va annaffiato poco perché trattiene l’acqua nelle foglie ed è necessario lasciarlo asciugare tra un’annaffiatura e l’altra.

Cura delle piante di giada

Le piante di giada hanno bisogno di almeno 4 ore di luce solare diretta ogni giorno. Le giovani piante dovrebbero essere tenute alla luce solare diretta e indiretta; piante di giada grandi e ben consolidate possono sopportare più luce solare diretta.

Le cucine e gli uffici con una finestra esposta a sud di solito hanno abbastanza luce, così come le finestre rivolte a ovest.

Le piante di giada crescono meglio a temperatura ambiente da 17 ° C a 25 ° C, ma preferiscono temperature leggermente più fresche di notte e in inverno.

Nota: Jade non tollera il gelo, quindi se lo tieni all’aperto durante l’estate, assicurati di portarlo in casa una volta che le temperature iniziano a scendere a circa 10 ° C in autunno.

Parassiti e malattie dell’albero di giada

cocciniglie

Cocciniglie o squame possono nascondersi sotto steli e foglie. Per eliminare i parassiti, usa uno spruzzo d’acqua o strofina delicatamente gli insetti con un po’ di alcol denaturato su un tovagliolo di carta o un batuffolo di cotone.

Sarà necessario ripetere le applicazioni per eliminare i piccoli parassiti. Se la pianta è molto infestata, potrebbe essere meglio tagliarla e ricominciare da capo.

Le soluzioni ecologiche sono solitamente olio di neem o sapone di potassio .

Fungo di muffa

L’oidio può essere un problema, ma è piuttosto raro negli ambienti chiusi.

Marciume radicale

Il marciume radicale è causato dall’eccessiva umidità del suolo. Lascia asciugare il terreno tra le annaffiature.

Lenzuola spiegazzate

Le foglie rugose o rugose sono segni di una pianta assetata che necessita di annaffiature più frequenti o più profonde.

Foglie morbide

Le foglie morbide e pozzanghere indicano che la pianta sta ricevendo troppa acqua.

Caduta delle foglie

La caduta delle foglie è anche un sintomo di problemi di irrigazione.


la pianta di giada


Come avere delle piante bellissime anche per chi non ha proprio il pollice verde….. una pianta semplice da coltivare

Related Articles

Trả lời

Email của bạn sẽ không được hiển thị công khai.

Back to top button